Cerca English (United States)  Italiano (Italia) Deutsch (Deutschland)  Español (España) Čeština (Česká Republika)
venerdì 29 luglio 2016 ..:: Parchi Marini Artificiali in Adriatico ::.. Registrazione  Login

CREAZIONE DI UN REEF DI RIPOPOLAMENTO E TUTELA DELLA BIODIVERSITA’ MARINA DEL MAR ADRIATICO

FRUIBILI AL TURISMO COSTIERO E SUBACQUEO ATTRAVERSO L’AFFONDAMENTO SUL FONDO MARINO

DELLE PIATTAFORME OFFSHORE ENI IN DISMISSIONE

    Stampa        
 

CREAZIONE DI UN REEF DI RIPOPOLAMENTO E TUTELA DELLA BIODIVERSITA’ MARINA DEL MAR ADRIATICO FRUIBILI AL TURISMO COSTIERO E SUBACQUEO ATTRAVERSO L’AFFONDAMENTO SUL FONDO MARINO DELLE PIATTAFORME OFFSHORE ENI IN DISMISSIONE

L’idea prende origine dal relitto della piattaforma di estrazione metanifera ENI Paguro, esplosa ed affondata nel 1965 a largo della costa ravennate.

In virtù dell’incredibile ricchezza di biodiversità marina attecchita spontaneamente, la zona del relitto è stata prima definita “zona di tutela biologica statale” nel 1995 con decreti ministeriali, e poi proprio quest’anno in data 10 febbraio, è stata istituita quale Sito Importanza Comunitaria (SIC) dalla Giunta della Regione Emilia Romagna, su proposta dell’Assessore Lino Zanichelli ed il contributo scientifico dr. Rinaldi. - www.associazionepaguro.org

Riutilizzare le piattaforme off-shore in dismissione per creare hot spots di biodiversità e ripopolamento ittico, fruibili per il turismo costiero e subacqueo, sarebbe la soluzione ambientalmente e turisticamente migliore:  “I relitti delle piattaforme diverrebbero vere e proprie oasi marine naturalistiche. Una volta bonificate non inquinano, bensì creano un luogo ideale per il ripopolamento ittico e la protezione della biodiversità marina: Sarebbe una soluzione naturalisticamente vincente, e di grande richiamo turistico" …. hot spots di biodiversità biologica, al riparo dalle reti dei pescatori, e paradiso sommerso per i turisti appassionati subacquei o della pesca sportiva.”

Come dicevamo di piattaforme offshore tra Comacchio e Rimini ce ne sono circa 50 ed oltre 100 in tutto l’Adriatico;  e per legge Eni, una volta esaurita la concessione mineraria, è obbligata a bonificare i siti di estrazione ed a smaltire le piattaforme dismesse. E questo al momento significherebbe solo una cosa. Riportarle a terra e smantellarle per inviarne i pezzi al ferrovecchio.

In tanti hanno proposto soluzioni alternative di vario genere: dall’installarvi sopra delle pale eoliche, sino addirittura al costruirvi sopra degli alberghi di lusso. Affondarle in maniera pianificata significherebbe invece mettere a disposizione del mare una struttura d’attecchimento e colonizzazione biologica perfetta che in breve tempo evolverebbe a vera e propria oasi marina sommersa.

Un’esperienza già sperimentata con successo negli Stati Uniti, in Australia ed in molti altre nazioni a vocazione marino turistica. Ed in Italia non sarebbe nemmeno un’assoluta novità… In diverse località costiere italiane, a seguito dell’affondamento di navi spesso le popolazioni locali si sono mobilitate al fine di evitarne il recupero a terra da parte delle autorità. Qualche anno dopo l’affondamento succede che il pescato aumenta, ed i turisti subacquei pure (categoria che spende, ndr).

Ma ora, tornando all’Adriatico, è bene sapere che in realtà, nonostante i suoi pochi colori, l’adriatico è un bacino biologicamente fertilissimo; molto più del Tirreno. Innazitutto grazie sia ai nutrienti portati dal Po che alla sua conformazione geomorfologica. Il “problema” del nostro mare, da un punto di vista per così dire naturalistico, è il fondale sabbioso. Non permette agli organismi di attecchire e fissarsi, e quindi di creare comunità biologiche fisse geograficamente stabili, evolvibili nel tempo. Qualsiasi altra superficie solida, invece, diventa un ‘punto caldo’ in cui la biodiversità può attecchire e, a velocità esponenziale, proliferare.

Ed è a questo punto che entrerebbero in gioco le piattaforme dismesse, bonificate e poi affondate: materiali diversi, a differenti profondità e a gradi di esposizione luminosa variabile. Un habitat ideale per flora e fauna marina, di tutti i generi e specie  ... dalle microalghe, agli anemoni, crostacei, …. sino alle  corvine, astici, aragoste, orate, saraghi, gronchi e boghe, ecc… Luoghi perfetti per tutte le creature marine per nascondersi, cacciare, cibarsi, deporre le uova, riprodursi...

Basti pensare al relitto della Haven, di fronte ad Arenzano (La Spezia). La petroliera incendiata ed inabissatasi davanti la costa dopo alcuni anni è tornata a nuova vita colonizzata da tantissime creature marine di tutti i generi e specie; ma non solo: ora il sito è meta di turisti subacquei esperti provenienti da tutta Europa. Una singola immersione può arrivare a costare sino a 100 euro. E pure i ristoranti e gli alberghi non piangono.

E così necessariamente è giusto tornare al nostro esempio più conosciuto in mar Adriatico: il relitto della piattaforma Paguro. Il relitto è divenuto anch’esso, come la Haven, meta privilegiata per gli appassionati di immersioni.  In 10 anni vi si sono raggiunte quota 40mila immersioni. La struttura è ad un’ora di navigazione dalla Marina di Ravenna e raggiunge la profondità massima di 32 metri…  Ogni escursione costa dai 35 ai 50 euro a persona; è facile immaginare il boom turistico-economico che si creerebbe con un parco subacqueo che collega tutte le piattaforme adriatiche dimesse e affondate”.

Un ADRIATIC REEF, una rete ecologica artificiale subacquea dell’Adriatico”, fruibile al turismo subacqueo, naturalistico e sportivo. Un parco unico nel suo genere, che offrirebbe alla riviera romagnola, un’ altra attrattiva molto affascinante insieme a movida e ombrellone.

Una volta inabissate e stabilizzate, le immersioni possono cominciare fin da subito e, dopo 10 anni dall’affondamento, si potrà ammirare un ambiente analogo a quello del Paguro.

Attualmente in mare Adriatico sono attive circa 100 piattaforme di estrazione metanifera off-shore:

ora, se all’atto della loro dismissione esse verranno tutte trasportate a terra e poi smantellate, tra 20-30 anni al posto delle piattaforme ci saranno 80 residui di buchi nella sabbia;  se invece si seguisse la presente proposta tra qualche decina di anni potremmo avere 80 oasi marine di ripopolamento biologico talmente vicine da poter creare una vera, e preziosissima, rete ecologica marina, fruibile turisticamente.

 

A tal fine nel 2010 a Ravenna, nell'ambito della manifestazione internazionale per l'ambiente LABELAB, si è tenuto un incontro pubblico per intraprendere un percorso di condivisione e studio del progetto, con i seguenti relatori:

-ing. Renzo Piantoni, responsabile ENI distretto Alto Adriatico, div. Exploration & Product

-dr. Attilio Rinaldi, presidente Centro di Ricerche Marine Adriatico di Cesenatico

-dr. Roberto Raffaelli vicepresidente PADI

-dr. Giovanni Fucci presidente dell’Associazione Paguro

 

riportiamo qui di seguito il RESOCONTO dei loro interventi.

 

 

segue una raccolta di VIDEO inerenti la BIODIVERSITA' ed il TURISMO associati ai relitti sommersi

    Stampa        
 
Copyright (c)   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2016 by DotNetNuke Corporation